Kippe - Parallel Bars

Premessa:

La kippe alle parallele, come alla sbarra, si esegue con la medesima tecnica. Ciò che differenzia le due, sono la posizione delle mani. La caratteristica più importante della kippe, è l’andamento del CM durante la fase del movimento. Tale movimento è paragonabile a un pendolo di lunghezza variabile.

Inoltre avendo due staggi paralleli, il corpo non avrà un appoggio del bacino sullo staggio nella fase conclusiva, ma dovrà mantenere una posizione di squadra.

Prendiamo come riferimento l’andamento della velocità del trocantere, supponendo che sia il CM.

 

Analisi Biomeccanica:

 

Posizione di contatto sulla pedana (1):

 

Valori angoli:

testa - braccio: 52°

tronco - asse Y: 16°

tronco - coscia: 121°

 

Posizione di stacco dalla pedana (2):

 

Valori angoli:

testa - braccio: 28°

tronco - asse Y: 26°

tronco - coscia: 158°

 

VCM: 2,53 m/s

 

Posizione di presa degli staggi (3):

 

Valori angoli:

testa - braccio: 17°

tronco - coscia: 155°

 

VCM: 0,46 m/s

 

Passaggio sotto gli staggi (4):

 

Valori angoli:

tronco - asse Y: 14°

tronco - coscia: 126°

 

VCM: 6,15 m/s

 

Fase di massima apertura (5):

 

Valori angoli:

testa - braccio: 33°

tronco - asse Y: 55°

tronco - coscia: 177°

 

VCM: 1,27 m/s

 

Fase di massima chiusura (6):

 

Valori angoli:

testa - braccio: 58°

tronco - coscia: 64°

 

VCM: 2,64 m/s

 

Fase di risalita (7):

 

Valori angoli:

tronco - coscia: 121°

 

VCM: 3,02 m/s

 

Posizione finale (8):

 

Valori angoli:

tronco - coscia: 90°

 

VCM: 0,06 m/s