Straddle Press Handstand - Floor

Guida Tecnica: La verticale d’impostazione.




 

 

Premessa: Con questa breve guida, voglio dare alcuni consigli da tenere in considerazione per una buona esecuzione di questo movimento.

Non spiegherò come deve essere eseguita la verticale in sé, la prendo come scontata, tratterò solo degli aspetti più importanti di ogni fase che compongono tale movimento.

 

Introduzione:

La verticale d’impostazione è un elemento tecnico che si esegue su più attrezzi, sia maschili che femminili. Questo elemento viene insegnato già nei primi anni di pratica, questo perché è da considerarsi un elemento base da apprendere il più presto possibile, in modo da poter poi sviluppare difficoltà maggiori.

 

Parte iniziale:

-       Gambe parallele al suolo

-       L’altezza delle gambe dal suolo deve essere più alta possibile, ovvero una maggior flessibilità, porta ad avere maggior altezza di partenza. Ciò renderà la fase di  spinta delle spalle più facile.

-       Eseguire una spinta completa di spalle in modo da mantenere un’altezza maggiore per la fase di “sfilata” delle gambe.

 

Parte centrale:

-       Importante mantenere la posizione di spinta (antepulsione) delle spalle e la flessione delle cosce verso il busto. Tale posizione richiede una buona flessibilità attiva.

-       Aspetto importante, durante la fase di spinta delle spalle, bisogna cercare di portarle  in fase di chiusura in modo da poter allineare l’assetto con la testa.

-       I fianchi si sollevano verso l’alto, mentre la posizione delle spalle rimane invariata

-       Il grado di flessione delle cosce sul tronco deve essere il minimo possibile

-       Il centro di massa (COM) rimane al di sopra della perpendicolare del polso

 

Parte Finale:

-       Raggiungimento della verticale tra trocantere e polso

-       Estensione dell’anca dovuta alla rotazione del bacino

-       Chiusura della gambe, tenendo costantemente in controllo la posizione del corpo

 

Per una corretta esecuzione di questo movimento, bisogna eseguire una buona preparazione fisica, che sarà spiegata a breve nella pagina “allenamento”.